Biocatch for eCommerce


Behavioral Biometrics: a distruptive new
approach for eCommerce Fraud Detection

Informazioni

BioCatch: behavioural biometrics

La sicurezza prima di tutto. Oggi più che mai l’era di Internet impone a mo’ di credo assoluto la necessità di avvalersi di sistemi di verifica complessi, gli unici in grado di sventare il pericolo della violazione dei dati e delle identità.

Ecco perché Your Future offre ai suoi clienti le più moderne tecnologie mettendo a disposizioni soluzioni all’avanguardia nel campo della cyber security come ad esempio prodotti che si basano sul sistema di riconoscimento biometrico.

Nel caso in cui a essere violato sia un account Facebook, il danno è più morale, costituendo la malefatta un attacco all’intimità della propria vita privata. Se invece a essere violato è il conto bancario? In questo caso, le carte in tavola cambiano. Le precauzioni e i sistemi di sicurezza adottati sembrano non bastare mai. Tante e troppe volte, purtroppo, tutti i tentativi fatti vengono resi vani dalle abili mani di chi il computer lo sa usare davvero bene. Inutili le password con almeno una lettera maiuscola, un simbolo e un numero, inefficaci le crittografie a coppia di chiavi e i pin di innumerevoli cifre.

È solo questione di tempo prima che un hacker mediocre con un computer di media fascia riesca a "bucare" sistemi di sicurezza che si pensava essere inaccessibili. Se a questo scenario si aggiunge la pluralità di accessi che avvengono da mobile, o anche da reti wi-fi pubbliche, il rischio aumenta esponenzialmente. In una società dove tutta la vita è espressa in dati e tutte le informazioni private, sia di carattere economico che personale, sono stipate in database sparsi qua e là per il mondo occorre un nuovo modo di pensare alla sicurezza. È questo il motivo che porta alla creazione di BioCatch, il sistema di riconoscimento biometrico.

Come funziona un sistema di riconoscimento biometrico

Il sistema di riconoscimento biometrico è un metodo molto evoluto che riesce a riconoscere gli accessi fraudolenti grazie al raffronto con i parametri biometrici registrati dagli utenti autorizzati all’accesso.

La biometria si basa appunto sulla misurazione delle variabili comportamentali tramite calcoli matematici e statistici. In simile maniera funzionano i sistemi di identificazione biometrica che raccolgono i dati relativi al comportamento, sia fisico sia cognitivo, di ogni individuo e lo registrano memorizzandone i parametri.

Le informazioni così recuperate dal sistema vengono riunite per settare il range entro cui le azioni svolte sono considerate “nella norma”.

Nel caso di anomalie e di comportamenti “inaspettati”, come nel frequentissimo caso della presenza di un malware, il sistema rileva che l’atteggiamento anomalo è l’indice di un uso fraudolento del dispositivo. Senza il bisogno di creare domande segrete o usare chiavi e codici segreti condivisi, il sistema registra il normale uso di un utente e solo in base a questi parametri è in grado di rilevare il pericolo reale o potenziale a cui è esposto quel dispositivo.

I termini di raffronto di BioCatch si basano su ben 500 diverse misurazioni di modo che ogni profilo creato possa avvalersi del criterio dell’unicità e dell’irripetibilità. Così come è impossibile trovare due zebre con lo stesso manto, in egual maniera è impossibile trovare due persone che utilizzino un qualsiasi device nella stessa identica maniera.

I modi di premere i tasti, la coordinazione mano-occhio, il tremore delle mani, la pressione esercitata, l’uso della forza e le preferenze di utilizzo di un dispositivo sono diversi da individuo a individuo. Il che rende i dati raccolti dalla biometria comportamentale univoci e impossibili da duplicare. Indipendentemente dal sito visitato o se si naviga da desktop o da mobile, BioCatch, avvalendosi del sistema di behavioral biometrics, registra ogni singolo, impercettibile gesto per costruire la scheda identificativa dell’utente.

Quanto è utile un sistema di sicurezza basato sull’identificazione biometrica

La Gartner, società multinazionale leader mondiale nella consulenza strategica, ricerca e analisi nel campo dell'Information Technology, ha stimato che nel corso del 2017 i sistemi di sicurezza basati sul riconoscimento biometrico saranno utilizzati in almeno il 30% delle procedure anti-frode a 360°.

Senza interrompere le sessioni di navigazione e senza nessuna interferenza nei confronti dell’esperienza utente, la tecnica biometrica registra il dietro le quinte dei modi di utilizzo. Il cuore del sistema è nell’adozione della rilevazione dei dati basata sugli Invisible Cognitive Challenges™. Come ben lascia intuire il nome, il sistema accetta le sfide lanciate dal personalissimo uso di ogni utente quando si trova online.

Gesti invisibili, come la velocità con cui si scorrono i moduli calendario di un form o come i movimenti di ricerca del mouse (ampi, circolari, rettilinei, orizzontali, diagonali, piccoli, e così via), compongono i piccolissimi pezzi del mosaico-individuo.

L’integrazione dei dati e la loro lettura d’insieme creano il profilo utente che viene usato come termine di paragone per rilevare la presenza di frode o malware. È usando quella stessa invisibilità e discrezione che BioCatch cattura le informazioni necessarie alla costruzione dell’identificazione biometrica.

Le ultime implementazioni del sensibile e avanzato sistema di sicurezza, permettono la condivisione dei dispositivi e la possibilità di creare diversi profili utente anche per lo stesso device, oltre a includere nel profilo dell’utente le informazioni relative alle modalità di utilizzo su più dispositivi, che siano o meno dello stesso tipo (come due differenti smartphone o un tablet e un PC).

Richiedi una consulenza